Home / Alimentazione / Alimenti 10 e lode. Pompelmo: attenua il senso di fame
Alimenti 10 e lode. Pompelmo: attenua il senso di fame

Alimenti 10 e lode. Pompelmo: attenua il senso di fame

Pompelmo: somiglia a un’arancia, ma in comune con essa ha soltanto il fatto di essere un agrume. Contrariamente a quanto si pensi, l’albero non è un incrocio di un cedro con un arancio, ma di un cedro con una particolare pianta originaria della Cina, il pomelo.

Praticamente mai impiegato in cucina fino al XIX secolo (perlomeno, soltanto a partire da tale periodo se ne hanno tracce nei libri di cucina), si pensa sia rimasto sconosciuto alle popolazioni europee fino al periodo dei grandi commerci, che hanno visto protagonisti il Sudamerica, l’Asia e le grandi capitali europee.

In Italia il pompelmo è coltivato non da molto, addirittura da pochi decenni e soltanto nelle aree calde del sud come la Sicilia, la Calabria e la Basilicata. Inizia a essere molto apprezzato nel Bel Paese non soltanto per il sapore particolarmente gradevole, ma soprattutto per le sue proprietà nutraceutiche. Il pompelmo infatti è ricco di vitamina C, antiossidanti e fibre, calcio, potassio e fosforo e offre all’organismo infiniti benefici. Basti pensare che dall’estratto dei suoi semi si ricava un potentissimo antisettico e disinfettate, impiegato per il trattamento di patologie umane e vegetali. E’ inoltre consigliato nell’alimentazione, perché aiuta a metabolizzare gli zuccheri.

Il pompelmo più conosciuto e diffuso in Italia è quello rosa, dal gusto leggermente acidulo, molto succoso e con retrogusto amarognolo, molto simile a un’arancia, ma molto più grande. E bene consumarlo appena raccolto, per non perdere l’apporto di vitamine e antiossidanti, dei quali è particolarmente ricco.

10 buoni motivi per mangiare pompelmo

  1. Il pompelmo è un valido alleato per prevenire e combattere i malanni stagionali. La proprietà antibiotica di questo agrume contrasta virus e batteri e aiuta il sistema immunitario, nella lotta alle patologie a essi legate. Inoltre, succo e polpa di pompelmo accelerano il processo di recupero del corpo, dopo gli stati febbrili e influenzali.
  2. Come tutti gli alimenti dal gusto acido, anche il pompelmo è in grado di attenuare il senso di fame, ha un basso indice calorico ed è ricco di fibre. Sono tutte caratteristiche che lo rendono un valido alleato delle persone che devono perdere peso e seguono un regime alimentare ipocalorico.
  3. Aiuta il transito intestinale e favorisce la digestione, grazie alla presenza delle fibre e della colecistochinina, un ormone in grado di regolare gli enzimi della digestione. Inoltre, una spremuta di pompelmo al mattino può aiutare ad alleviare problemi di stipsi, stimolando il colon.
  4. Mangiare pompelmo dopo un affaticamento muscolare, dovuto ad attività fisiche intense, come a pure lavori particolarmente duri, aiuta a dissipare la stanchezza, donando nuova energia.
  5. Alleato dello stomaco, il pompelmo lenisce i dolori causati da irritazioni e favorisce e migliora la produzione e il flusso di succhi gastrici.
  6. Favorisce il metabolismo degli zuccheri e grazie alle fibre ne rallenta l’assorbimento: per questo il pompelmo è ideale per combattere il diabete.
  7. Contrasta la sintesi del colesterolo LDL ed è per questo un valido alleato per muovere contro lo sviluppo di malattie dell’apparato cardiovascolare, ipertensione, ictus e infarto su tutti.
  8. Il consumo di pompelmo aiuta anche a prevenire il cancro. Le sue proprietà depurative, che mantengono in salute l’apparato escretore, favorirebbero in particolare il contrasto al tumore del colon e alla prostata.
  9. La presenza di potassio, che agisce da vasodilatatore, favorisce la dilatazione dei vasi sanguigni, favorendo dunque la riduzione della pressione sanguigna e una maggiore ossigenazione, che migliora le prestazioni del cervello.
  10. Il pompelmo aiuta a guarire l’insonnia. Il triptofano in esso contenuto, infatti, è precursore della serotonina della melatonina, due molecole in grado di agire sull’umore e sulla regolazione del sonno.

I nutrienti contenuti nel pompelmo

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI PER 100 g
Valore energetico 42 kcal
Proteine 0.8 g
Carboidrati 11 g
di cui zuccheri 7 g
Grassi 0.1 g
Di cui saturi 0 g
Di cui monoinsaturi 0 g
Di cui poli-insaturi 0 g
Fibre 1.6 g
Sodio 0 mg

Perché non consumare il pompelmo

In caso di assunzione di farmaci, e in articolare quelli per l’ipercolesterolemia e per l’ipertensione, è beneAlimenti 10 e lode. Pompelmo: attenua il senso di fame consumare il pompelmo con moderazione e consultare il medico, se lo si vuole inserire in maniera costante nel proprio regime alimentare. Infatti alcune sostanze contenute in questo agrume agiscono da antagoniste rispetto ad alcuni farmaci.

Deve naturalmente astenersi dal consumo ogni persona allergica agli agrumi.

About Daniele Sciotti

Daniele Sciotti, dott. in Scienze della nutrizione umana Origini contadine e un amore incondizionato per la dieta mediterranea. Nato a Velletri, in provincia di Roma, da sempre a contatto con il verde e la natura di quei meravigliosi luoghi ricchi di tanta storia e soprattutto di tradizioni, inizia lo studio della scienza dell’alimentazione dopo aver sofferto di obesità. Una laurea magistrale in scienze della nutrizione umana conseguita presso l'Università San Raffaele di Roma Una laurea in scienze dell’alimentazione e gastronomia presso l’Università San Raffaele di Roma. "100 Alimenti 10 e lode" è la sua prima opera letteraria pubblicata ad agosto 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »