Home / Benessere / Correre all’aria aperta con la bella stagione: i benefici del running
Correre all’aria aperta con la bella stagione: i benefici del running

Correre all’aria aperta con la bella stagione: i benefici del running

Correre all’aria aperta: con la bella stagione, si può. Oggi è il Global running day.

Si tratta di uno sport che reca alla salute grandi benefici, purché si abbia il senso della misura: né troppo movimento, né troppo poco. Un consiglio: siate avveduti, correte con moderazione. Si riduce di conseguenza il rischio cardiovascolare e migliora benessere psico-fisico.

Correre: le statistiche

Gli italiani che praticano la corsa sono oltre sei milioni, il 55% dei quali sono uomini e il 45% donne, di Correre all’aria aperta con la bella stagione: i benefici del runningtutte le età. Il 27% di coloro che corrono è fra i 25 e i 34 anni, il 25% fra i 35 e i 44, il 21% fra i 45 e i 54, e l’8% over 55. Ben il 77% corre per tenersi in forma, il 76% per rimanere in salute e il 61% per divertirsi.

Correre: uno sport semplice da praticare

Oltre a essere uno sport semplice da praticare (basta avere la motivazione giusta e scendere in strada o al parco), correre ha un impatto molto positivo sulla salute. Contrasta alcuni dei rischi dovuti alla sedentarietà. Secondo uno studio del Journal of American college of Cardiology, correre anche solo 5-10 minuti al giorno e a basse velocità può contribuire ad una riduzione del rischio cardiovascolare.

Correre contrasta l’ansia

È stato dimostrato: la corsa può agire positivamente sul benessere psico-fisico della persona, contrastando l’ansia e intervenendo sulla produzione di serotonina, l’ormone del buonumore. Il professor Larry Leith, docente dell’Università di Toronto, in Canada, ha condotto una meta-analisi in argomento: l’esercizio fisico di tipo aerobico, che non superi il 60% della frequenza cardiaca massima possibile per il paziente, può avere effetti positivi sul suo stato di ansia.

Correre: la parola agli esperti

Correre all’aria aperta con la bella stagione: i benefici del runningIl professor Marco Bigoni della clinica ortopedica Università Milano-Bicocca, ospedale San Gerardo Monza (Mb), si è espresso in questo modo: “Quando si pratica running è importante stare attenti alle articolazioni, in particolare caviglia e ginocchio, e ai possibili microtraumi, causati da una eccessiva sollecitazione articolare, dal terreno sconnesso, da un riscaldamento insufficiente o da un trauma precedente. La distorsione della caviglia, ad esempio, causata da una rotazione non controllata della pianta del piede, è uno gli infortuni più comuni. Un altro possibile inconveniente a cui vanno incontro i runner è l’acido lattico: quando non si è allenati è molto facile incorrere in crampi, dolori intensi e bruciori dovuti ad una eccessiva produzione di acido lattico a livello muscolare. Tutti questi fattori possono scoraggiare gli sportivi. Per intraprendere e svolgere correttamente un’attività fisica come la corsa è fondamentale dedicare del tempo al riscaldamento muscolare, per favorire l’ossigenazione e l’elasticità dei muscoli, il riscaldamento di tendini e articolazioni, il miglioramento della circolazione. In alcuni casi inoltre può essere indicato supportare l’attività fisica con una integrazione alimentare adeguata, specifica per il benessere delle articolazioni. Per evitare infortuni è importante conoscere e rispettare i propri limiti. Se un’attività

fisica moderata ha effetti positivi sulla salute, uno sforzo eccessivo può avere conseguenze molto pesanti a livello cardio-vascolare e muscolo-scheletrico. Basta prendersi delle pause e rallentare il ritmo quando se ne sente il bisogno”.

Benefici della corsa sul tono dell’umore

Sebbene i benefici della corsa sul tono dell’umore siano ampiamente dimostrati, riprendere l’attività fisica all’aria aperta a volte può non bastare. Anche il cambio di stagione, che comporta un aumento dell’ansia e instabilità dell’umore, può incidere sul benessere psicologico in primavera. Il professor Bigoni ha aggiunto: “In questi casi può essere utile assumere integratori che vadano ad agire sulla produzione di dopamina, noradrenalina e serotonina, i cosiddetti neurotrasmettitori del buonumore”.

Correre: progetto Fidia per lo sport

Il progetto Fidia per lo sport è stato creato con l’obiettivo di sviluppare nuove soluzioni terapeutiche per chi fa attività fisica ad ogni livello. L’obiettivo è aiutare gli sportivi nell’allenamento, nelle competizioni salvaguardare la loro salute. Con Federico Pellegrino è stato sviluppato un piccolo vademecum per tutti gli sportivi e in particolare per i runner, con consigli utili per prepararsi al meglio alle competizioni sportive, per prevenire eventuali traumi di natura osteoarticolare, per allenarsi in sicurezza migliorando le performance e per tenere alto il tono dell’umore.

Federico Pellegrino, campione del mondo 2017 nella sprint a tecnica libera di Lahti, è il primo atleta nella storia ad aver conseguito dieci vittorie in tecnica libera nelle gare sprint di Coppa del Mondo e medaglia d’argento nella gara sprint di sci di fondo alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang 2018.

Amedeo Rampino, marketing manager Fidia Farmaceutici, ha commentato: “In linea con i valori in cui crede l’azienda, Federico è la dimostrazione di quanto sia importante lavorare con impegno per raggiungere i propri obiettivi sportivi, senza dimenticare quanto sia fondamentale prendersi cura delle proprie articolazioni, soprattutto quando queste sono sottoposte a sforzi intensi, per mantenere le performance al top”.

Correre all’aria aperta: un vademecum per tutti gli sportivi

  1. L’allenamento incomincia a tavola: è una buona idea mangiare in modo equilibrato, garantendo un apporto significativo di vitamine e minerali (basta mangiare frutta e verdure fresche tutti i giorni!). Un trucco per chi fa uno sport (come lo sci di fondo o la corsa) che sollecita molto le articolazioni è quello di preferire alimenti che hanno un effetto protettivo sulla salute articolare come i cereali integrali, il pesce, frutta e verdura di stagione; chiedendo consiglio al proprio medico o farmacista si può supportare la propria dieta con integratori alimentari specifici.
  2. Il riscaldamento è importante: bisogna fare un buon riscaldamento muscolare prima di affrontare una gara o un allenamento. Bastano alcuni minuti di esercizi come corsa sul posto, saltelli a corpo libero o con la corda, camminata a passo sostenuto e di stretching.
  3. Massaggi e stretching contro dolore e acido lattico: in caso di acido lattico si consiglia di massaggiare la parte dolorante e fare stretching per aiutare a ripartire velocemente.
  4. Non lasciarsi vincere dalla fatica! Sono necessarie passione, impegno e determinazione, soprattutto in vista di una competizione. Quando gli allenamenti si fanno più intensi, aumenta la fatica e viene voglia di mollare, bisogna concentrarsi sulle motivazioni che hanno spinto a intraprendere la sfida e su pensieri positivi.

About Giorgio Maggioni

Giorgio Maggioni
È dal 1993 che studia, analizza e sfrutta il WEB. Dicono sia intelligente, ma che non si applichi se non sotto stress, in quel caso escono le sue migliori idee creative. Celebre la sua frase: “è inutile girarci in giro, chi non usa il web è destinato a fallire”. È docente di webmarketing per l’internazionalizzazione d’impresa, dove incredibilmente, per ora, è riuscito a non rovinare alcuno studente. In WMM si occupa di sviluppare modelli di business utilizzando logiche non convenzionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.