Home / Salute / Rapporto tra medici e pazienti: è sempre più digitale
Rapporto tra medici e pazienti: è sempre più digitale

Rapporto tra medici e pazienti: è sempre più digitale

Rapporto tra medici e pazienti: in esso l’avvento del computer e del digitale non è passato inosservato. I costumi della vita quotidiana stanno cambiando a livello sociale. La salute degli italiani è sempre più spesso gestita da un elaboratore elettronico, posto che è stata attuata la digitalizzazione della Sanità a livello nazionale, regionale e locale. Restano indietro coloro che non sono alfabetizzati, per quanto concerne il linguaggio del computer. In tale ambito il fine è rendere gli strumenti a disposizione semplici e universalmente fruibili. Prima di ciò, carta e penna resteranno sulla scrivania, per ogni evenienza. Per essere utilizzate, non hanno bisogno di corrente elettrica.

Rapporto tra medici e pazienti: strumenti digitali sempre più diffusi

Rapporto tra medici e pazienti: è sempre più digitaleSecondo il Rapporto 2019 dell’Osservatorio innovazione digitale in Sanità del Politecnico di Milano, pubblicato di recente, App e strumenti digitali, compreso WhatsApp, si stanno diffondendo nel rapporto del medico con il paziente. Il dialogo è rapido, per non dire immediato, e i risultati sono utilizzabili nella pratica.

Rapporto tra medici e pazienti: la prescrizione digitale

L’innovazione delle aziende sanitarie è lenta, ma progressiva. Sono una realtà la Prescrizione digitale e il Fascicolo sanitario elettronico (Fse). Ecco perché la vita sanitaria del paziente italiano è ormai accessibile con un clic. Siete pronti?

Rapporto tra medici e pazienti: il digitale è comodo

Alcune zone d’Italia sono all’avanguardia: i cittadini hanno già la comodità di avere il proprio Fascicolo Rapporto tra medici e pazienti: è sempre più digitalesanitario elettronico accessibile dal computer di casa. E’ inoltre possibile prenotare visite e ritirare referti online, e ancora: usufruire di un sistema di Telemedicina a domicilio, per i pazienti cronici.

Rapporto tra medici e pazienti: il computer e il medico di famiglia

Che cosa, in particolare, si sta modificando? Secondo l’Osservatorio del Politecnico, il digitale è ormai protagonista in tutte le fasi della presa in carico del paziente, dalla prevenzione alla cura, fino al post-ricovero. Risultano utili in tal senso strumenti come la Cartella clinica elettronica, la Telemedicina, l’Intelligenza artificiale e le Terapie digitali.

Medici di famiglia e professionisti, del resto, sono ormai obbligati all’uso dei personal computer nel loro lavoro.

Rapporto tra medici e pazienti: i software

Rapporto tra medici e pazienti: è sempre più digitaleMassimo Soncini, amministratore delegato di Finson, che produce software per Windows, si è espresso in questo modo: “Oggi i medici specialisti possono gestire le visite direttamente dal loro Pc e avere sotto controllo la storia clinica completa del paziente, le vaccinazioni, la prevenzione e gli eventuali interventi di riabilitazione del paziente. Allo stesso tempo possono gestire la parte amministrativa del loro lavoro. ‘Progetto medico specialista 2’, per esempio, è un software che integra anche l’archivio dei principi attivi di ogni farmaco. Ha una rubrica per gli informatori medico-scientifici, con la possibilità di stabilire i tempi per le presentazioni.”

Ogni medico dispone delle proprie credenziali di accesso e gestisce i propri pazienti con l’anamnesi specifica, con tutti i dati protetti secondo le modalità previste dalla recente normativa europea Gdpr.

E’ possibile gestire l’invio dei dati delle fatture al sistema Ts (Tessera sanitaria) e creare le fatture elettroniche: esse possono essere inviate con il sistema prescelto, oppure direttamente attraverso il portale dedicato. Il mercato, in argomento, propone molte opzioni.

About Rita Tosi

Rita Tosi
Manager della comunicazione, che da circa 20 anni si occupa di di tecniche di relazioni e sviluppo strategico per aziende e privati che cercano visibilità. Dopo un necessario passaggio (e sosta) nelle principali agenzie di comunicazioni internazionali (Edelman, Gruppo Publicis e Hill&Knowlton) con ruoli apicali, continua a creare eventi e rafforzare il proprio know-how attraverso l'attività in proprio. Allena la sua capacità organizzativa, gestionale e di relazione anche in famiglia, con 1 marito, 3 figli, 1 cane, 4 tartarughe, 4 pesci rossi, 1 geco e un terrazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.