Home / Eros & Psiche / Hai mai pensato di curare lo stress con 3 domande?
Hai mai pensato di curare lo stress con 3 domande?

Hai mai pensato di curare lo stress con 3 domande?

“E’ colpa dello stress” è una frase che, ai giorni nostri, sentiamo dire molto spesso e che, a volte, pronunciamo anche noi per giustificare le situazioni o i comportamenti che non riusciamo a gestire come vorremmo. In effetti, curare lo stress, ridurre le tensioni quotidiane, riportando serenità nella nostra vita, è obiettivo condiviso da milioni di persone, soprattutto nel mondo Occidentale.

Per curare lo stress bisogna prima sapere che cos’è?

Il primo a parlare di stress fu il medico Hans Selye che lo definì <Una risposta aspecifica dell’organismo a ogni richiesta effettuata su di esso>. Una definizione più moderna indica lo stress come <uno stato di tensione dell’organismo, in cui vengono attivate difese per far fronte a una situazione di minaccia> (Trombini, 1982).

Lo stress è, infatti, una risposta psicofisica a incombenze anche molto diverse tra loro, di natura cognitiva, emotiva o sociale, che la persona avverte come eccessive e, purtroppo non risparmia nessuno: chi di noi nella vita non ha mai sperimentato la sensazione di perdere il controllo in una situazione stressante, in cui le richieste incessanti diventavano davvero schiaccianti? Certo esistono diversi modi per curare lo stress e molto dipende anche dal grado, cioè dall’intensità di pressione cui siamo sottoposti.

I 100 scalini dello stress

Infatti, anche se la risposta agli eventi stressanti non è uguale per tutti, nel 1967 gli psichiatri Holmes e Rahe elaborarono una scala che misura da 0 (nessuno stress) a 100 (massimo stress possibile) lo stress causato da 42 tipi di cambiamenti della vita umana che possono capitare a tutti nella nostra società .

Secondo questa scala, per esempio, il divorzio ha un livello di stress 70, mentre la separazione, la morte di un parente stretto e la prigionia 65, la menopausa 60, e persino un evento gioioso come il matrimonio comporta lo stesso livello di stress di una malattia personale, e cioè 55.

Uno dei modi per curare lo stress è imparare a gestirlo riportando nuovo equilibrio nella nostra vita.

Curate lo stress con 3 domande. Si può

Sentirsi stressati e oppressi è il modo che la vita ha per dirci che forse è il momento di rallentare e fare il punto della situazione. Certo, a volte non è possibile rallentare, ma è possibile apportare qualche cambiamento. Iniziare è sempre la parte più difficile, si sa, iniziamo ponendoci queste semplici tre domande ogni volta che sentiamo di perdere il controllo, saremo in grado di mantenere ciò che veramente è importante per noi.

Come Life Coach vi suggerisco tre domande potenti di auto-coaching che possono aiutarvi a trovare le risorse dentro di voi :

  1. Che cosa ho bisogno di smettere di fare?

Cosa trattieni che ti blocca? Forse hai bisogno di smettere di lavorare 24 ore al giorno. Forse hai bisogno di smettere di mangiare cibo malsano, o rinunciare a una cattiva abitudine o relazione tossica. Forse hai bisogno di smettere di pensare che, magicamente, qualcun altro risolverà i tuoi problemi. Identifica le cose che non funzionano, e abbi il coraggio di interromperle. Quando si smette di mantenere attività senza senso, rapporti infruttuosi e così via, si fa spazio alle cose che sono maggiormente allineate con quello che si vuole veramente.

  1. Che cosa mi serve per stare meglio ora?

Quali miglioramenti hai bisogno di apportare alla tua vita? Forse tempo per la riflessione, per gli amici, o più tempo per le attività che ti interessano. Quanto più si inizia a dare se stessi ciò che si desidera, meno stress si sentirà. Identifica le azioni e le priorità che nutrono la tua visione della vita e, se è necessario, passa un po’ di tempo a meditare e pensare a quello che vuoi veramente e scoprire chi sei, poi agisci!

  1. Che cosa ho bisogno di fare di più?

Quando ci sente sopraffatti, fare qualcosa di più può sembrare l’ultima cosa che vogliamo.

Ma ci sono cose di cui tutti abbiamo bisogno di più: la gratitudine, l’amore, il rispetto, la fiducia, la connessione, il significato. Quanto più coltiviamo le cose che ci fanno sentire bene, le cose che ci soddisfano, meno spazio ci sarà per lo stress e per sentirsi sopraffatti. È semplice.

Infine non dimenticare che: Tensione è chi pensi che dovresti essere. Pace è chi sei. (Proverbio cinese)

 

 

 

About Tiziana Naclerio

Tiziana Naclerio
Sono una Life & Business Coach, vivo a Imperia, nella bellissima Liguria di Ponente, e lavoro in tutta Italia conducendo corsi per privati e aziende sul potenziamento e sviluppo delle risorse umane, Tengo inoltre sessioni individuali di coaching anche via skype. Il coaching nasce con l'idea di abbracciare il cambiamento, liberarsi dalle credenze limitanti e superare gli ostacoli al fine di creare i risultati che si vogliono nella vita, di lavoro ma, soprattutto, di BEN-ESSERE. E per me, BEN-ESSERE, significa 1) apprezzare ogni giorno della propria vita 2) scoprire e valorizzare ciò che funziona 3) apprendere continuamente 4) essere connessi alle persone 5) inserire gioia e divertimento in tutto ciò che si fa 6) apprezzare le idee, i sogni, gli obiettivi diversi 7) vivere in modo ottimista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.